Applicazioni del software geografico libero

Software geografico libero a supporto del contrasto alla ludopatia

Il Consiglio Regionale del Piemonte si è dotato di una legge contro la ludopatia per prevenire gli effetti, spesso devastanti, che il gioco d’azzardo compulsivo provoca su fasce di popolazione poco difese, come giovani e anziani. La legge regionale punta sulla prevenzione per impedire il proliferare di sale giochi nelle vicinanze di luoghi particolarmente sensibili, come ad esempio scuole, ospedali e banche.

Una delle novità più rilevanti, per tutelare determinate categorie di soggetti maggiormente vulnerabili, è il divieto di collocare apparecchi per il gioco in locali che si trovino ad una distanza, misurata in base al percorso pedonale più breve, non inferiore a 300 m per i Comuni fino a 5.000 abitanti e non inferiore a 500 m per i Comuni oltre i 5.000 abitanti, da istituti scolastici, centri di formazione per giovani e adulti, luoghi di culto, impianti sportivi, ospedali, strutture residenziali o semi-residenziali, strutture ricettive per categorie protette, luoghi di aggregazione giovanile ed oratori, istituti di credito e sportelli bancomat, esercizi di compravendita di oggetti preziosi ed oro usati, movicentri e stazioni ferroviarie.

Scopo del presente lavoro è sviluppare una metodologia di individuazione preliminare delle aree urbane e peri-urbane inidonee ad ospitare apparecchi per il gioco oggetto della legge regionale 9/2016 attraverso l’impiego di strumenti geografici liberi (FOSS4G/GFOSS).
Il sistema dovrà pertanto prevedere un sistema di calcolo delle distanze tra esercizi commerciali dovo sono presenti apparecchiature slot macchine e luoghi c.d. sensibili dalla legge regionale del Piemonte n. 9/2016 e s.m.

Stefano Campus

Materiale